Aiutare i figli durante la separazione

La separazione è un avvenimento doloroso e stressante nella vita personale e familiare, quasi sempre preceduto da elevata conflittualità coniugale, più o meno scoperta, che si protrae talvolta anche dopo la sua ratificazione o addirittura dopo il divorzio. Questo avviene quando la coppia non riesce ad elaborare la separazione e giungere a quello che si chiama divorzio psichico dall’altro, ostacolando in questo modo una buona riorganizzazione dei rapporti in seno al nucleo, indispensabile per il benessere di tutti e in primo luogo dei figli.

 

IL COINVOLGIMENTO DEI FIGLI NEI CONFLITTI DEI GENITORI

Se la coppia ha figli, essi vengono spesso coinvolti nella conflittualità coniugale, non solo come “spettatori”, ma non di rado anche come alleati di un genitore o di entrambi a turno (triangolazione). A volte divengono oggetto di contesa, se non di scambio, anche dopo la separazione. La discordia genitoriale provoca sempre nei bambini reazioni di ansia e di angoscia. Le conseguenze variano a seconda della fase evolutiva in cui il bambino si colloca e delle specificità riferibili sia al contesto familiare, sia al bambino stesso, come ad esempio la qualità dell’elaborazione soggettiva degli eventi traumatici.

E’ comunque durante la prima infanzia che il bambino possiede minori strumenti di elaborazione dell’angoscia; la comparsa di lamentele e sintomi somatici è l’esito più frequente; non meno rari sono i sensi di colpa nei bambini più grandi relativi al fatto di sentirsi come causa della discordia e la comparsa di stati depressivi e disturbi delle condotte.

Tuttavia anche in fasi più avanzate dell’età evolutiva, i figli soffrono per le discordie genitoriali e se queste non vengono in qualche modo risolte i minori permangono in una condizione che li può esporre a rischi psicopatologici. E’ frequente ad esempio che la coppia genitoriale entri in crisi conclamata proprio quando i figli diventano adolescenti dunque in una fase di per sé complessa e delicata del loro sviluppo, alla quale si aggiungerebbe in questi casi, anche il peso e la sofferenza per la conflittualità coniugale, il vivere in un clima familiare perturbato, frequenti triangolazioni e coinvolgimenti nei problemi di coppia. Condizioni del tutto nocive per il loro equilibrio psichico.

 

AIUTARE I FIGLI DURANTE LA SEPARAZIONE

Ciò che però è importante, è intervenire tempestivamente laddove il rischio di esporre il minore a gravi conseguenze prenda forma.

Se è vero che, cessando la convivenza dei genitori, essi non avranno più modo di assistere direttamente alle loro diatribe, è altrettanto vero che la separazione è comunque un avvenimento doloroso e destabilizzante che genera timori e sensi di colpa. Molto dipende da come viene gestita e dal significato che ad essa viene conferito. E’ utile che ai figli venga passato un significato scevro da connotazioni drammatiche e che siano rassicurati, con le parole e poi con i fatti, sull’amore che ciascun genitore continuerà a nutrire per loro. Importante che i genitori riescano poi a condividere una buona genitorialità in modo da consentire al minore l’accesso sereno ad entrambe le figure.

 

PER RENDERE LA SEPARAZIONE MENO TRAUMATICA

É importante riuscire a condividere la genitorialità in modo coerente e congruente dopo la separazione, cosa non sempre facile da conseguire. Le guerre genitoriali sull’educazione dei propri figli e sulle decisioni da prendere in merito alle numerose scelte che concernono la loro vita presente e futura, ricadono negativamente sul benessere dei figli. Per non citare poi il rischio psicologico che corre la prole nell’essere usata come arma di ricatto economico, cosa che non avviene purtroppo così raramente.

Lo psicologo, e in particolare lo psicoterapeuta sistemico-relazionale, può aiutare la coppia a costruire tale significato e a rendere il processo di separazione meno traumatico, allo scopo di consentire di gestire in modo più sereno tale evento, base sulla quale costruire un futuro migliore, sia per gli ex coniugi, sia per i figli.

Voi cosa ne pensate? Avete mai vissuto un’esperienza di separazione?

 

Lascia il tuo commento!
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

18 + dieci =